Crostacei - FOSSA BOVA

ASSOCIAZIONE
Vai ai contenuti

Menu principale:

Crostacei

FLORA E FAUNA > FAUNA

Cliccare sull'immagini per aprire descrizioni


Asellus
Myocastor coypus
Castoridi






Gambero Rosso
Aristaeomorpha foliacea

I Gamberi rossi (Aristaeomorpha foliacea, Risso 1827) sono un infraordine di crostacei decapodi.Una specie tipica del Mediterraneo, dalla Spagna alla Sicilia, con taglia che va da 12 a 20 cm, di colore rosso scuro vellutato, con un carapace robusto munito di spine, cinque appendici natatorie con l'ultimo segmento addominale che termina con una coda a forma di ventaglio. Ha cinque o sei denti sul rostro, al di sotto del quale si trovano gli occhi peduncolati. Vivono in gruppi tra 200 e mille metri di profondità e si riproducono in estate.




Gammanus







Isopode

Gli Isopodi sono un ordine di crostacei della classe dei Malacostraca, superordine Peracaridi. Comprendono non meno di 10.000 specie.
Gli isopodi hanno il corpo schiacciato in senso dorso-ventrale, non hanno carapace, le sette paia di zampe sono tutte uguali tra loro (da cui il nome). Sono peculiari nel loro genere per aver conquistato gli ambienti terrestri. Gli isopodi terrestri vivono in ambienti umidi e hanno la capacità di poter avvolgersi su stessi se disturbati. Alcuni isopodi sono ectoparassiti di pesci.





Ostracode


Gli Ostracodi (Ostracoda Latreille, 1802) sono una classe di crostacei. Sono state identificate all'incirca 65 000 specie (delle quali 13 000 ancora esistenti) raggruppati nei rispettivi ordini.
Gli Ostracodi sono piccoli crostacei, tipicamente delle dimensioni di 1 millimetro, ma possono variare tra gli 0,2 mm ed i 30 mm. I loro corpi sono protetti come nei bivalvi da una "conchiglia" in chitina o in calcare. Le due parti della "conchiglia" sono unite tramite una cerniera situata nella parte dorsale del corpo. Gli Ostracodi vengono raggruppati in base alla loro morfologia, ma il loro raggruppamento potrebbe non essere monofiletico, la loro filogenesi molecolare rimane ambigua.
Ecologicamente, gli ostracodi marini possono far parte dello zooplancton, ma più comunemente, fanno parte del benthos, vivendo a stretto contatto con il fondale marino. La dieta degli ostracodi è molto varia, a seconda dei gruppi possiamo trovarne di carnivori, erbivori, saprofagi o filtratori.


 

 

 

 

 

 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu